Assegno per il nucleo familiare

L’assegno per il nucleo familiare (L. 153/88 e successive modificazioni) è concesso in funzione della composizione numerica del nucleo familiare, della condizione sociale e fisica dei suoi componenti (presenza di entrambi i coniugi, assenza di uno dei coniugi, presenza o assenza di uno o più componenti inabili,..) e delle condizioni economiche complessive del nucleo stesso.

Gli importi dell’assegno sono rideterminati annualmente dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno successivo.

Per i lavoratori del pubblico impiego occorre far riferimento alla circolare emanata, generalmente nel mese di giugno di ciascun anno, dalla Ragioneria Generale dello Stato del Ministero dell’Economia e delle Finanze che vi allega le tabelle aggiornate e le eventuali modificazioni o integrazioni legislative nonché i modelli per l’attribuzione o la rideterminazione dell’assegno per il nucleo da inviare a chi amministra le competenze stipendiali (Direzione dei servizi vari del Tesoro o Corte d’Appello – Ufficio Contabilità per personale a tempo determinato).

I passi per la determinazione dell’assegno per il nucleo familiare sono, in estrema sintesi, i seguenti:

  • Individuazione della tabella che riporta le condizioni fisiche e sociali della propria famiglia: (per es. una famiglia con entrambi i coniugi, almeno un figlio minore, tutti i componenti senza menomazioni fisiche: tab. 11). ATTENZIONE: Le tabelle sono a doppia entrata e vi si legge in orizzontale la fascia di reddito complessivo in cui ricade il nucleo familiare ed in verticale il numero dei componenti del nucleo; dall’intersezione di riga e colonna si ottiene l’ammontare mensile dell’assegno per nucleo familiare spettante (che è corrisposto nella misura mensile senza riduzioni (anche in presenza di assenze non retribuite p. es. "sciopero") e senza alcuna imposizione fiscale unitamente allo stipendio)
  • determinazione del reddito complessivo del nucleo familiare pari alla somma dei redditi totali assoggettabili ad Irpef percepiti da ciascun componente del nucleo (redditi da lavoro e pensione, redditi a tassazione separata, redditi da capitale, redditi diversi ecc.). ATTENZIONE: occorre far riferimento ai redditi assoggettati ad Irpef guadagnati nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno ed essi hanno valore per la corresponsione dell’assegno sino al 30 giugno dell’anno dopo (per. es. per l’assegno del nucleo familiare dal 1° luglio 2002 al 30 giugno 2003 si fa riferimento ai redditi assoggettabili ad Irpef percepiti nell’anno 2001);

 

L’ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE NON COMPETE se la somma dei redditi da lavoro dipendente, da pensione o da altra prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente E’ INFERIORE AL 70% del reddito complessivo del nucleo familiare.

  • determinazione del numero dei componenti che compongono il nucleo familiare. Ne fanno parte i coniugi con esclusione di quello legalmente ed effettivamente separato, i figli ed equiparati (ivi inclusi quelli avuti da precedente matrimonio del coniuge) di età inferiore a 18 anni compiuti e senza limite di età qualora si trovino, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell’assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro. Del nucleo familiare fanno parte anche i fratelli, le sorelle ed i nipoti del dipendente o pensionato nel caso in cui essi siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano conseguito il diritto alla pensione ai superstiti e sempre che siano di età inferiore a 18 anni compiuti ovvero senza limite di età se si trovino nelle medesime condizioni fisiche sopra indicate per i figli. ATTENZIONE: diversamente dai redditi, i componenti del nucleo familiare (così come le loro condizioni fisiche e sociali) vanno considerati nel mese a cui si riferisce il pagamento dell’assegno (per es. se nel mese di marzo 2003 nasce un figlio, il nucleo familiare dal mese di marzo 2003 aumenta di una unità; se dal mese di giugno 2003 c’è la separazione dei coniugi, dal mese di giugno 2003 va considerata la tabella specifica con la presenza di un solo coniuge, il nucleo familiare sarà composto dal dipendente o pensionato e dai figli che sono gli sono stati assegnati. I redditi sono quelli assoggettabili ad Irpef dell’anno 2001 del coniuge separato ed eventualmente dei figli compresi nel nucleo).