logo
Uffici Giudiziari Campania e Molise
Documentazione Miscellanea
Richieste Richieste
 
Sistema Informativo delle Misure di Prevenzione
 
“I beni confiscati alla criminalità organizzata. La tecnologia al servizio dell’azione antimafia”
 
Napoli – 28 ottobre 2014 ore 10:30
Auditorium del Palazzo di Giustizia
Il convegno è dedicato alla presentazione del Sistema Informativo Telematico delle Misure di Prevenzione (SIT.MP), nuovo strumento tecnologico al servizio dell’azione antimafia che viene illustrato prima della sua attivazione.
 
Il progetto è realizzato dal Ministero della giustizia – Direzione generale per i Sistemi Informativi Automatizzati - nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (PON) 2007/2013, riguarda le  regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia.
 
Il sistema sarà immediatamente utile a Procure, Tribunali, Corti di Appello e alle Procure Generali perché permette che i dati e i documenti registrati da un ufficio siano immediatamente disponibili agli altri uffici per le attività di loro competenza.
 
  SIT.MP è anche in grado di cooperare con gli altri sistemi informatici del settore penale e con sistemi gestiti da di altri Enti o Amministrazioni, quali l’Agenzia Nazionale dei beni sequestri e confiscati, l’Agenzia delle entrate, il Ministero dell’Interno, permettendo così un aggiornato inventario dei beni sequestrati e confiscati, nella Banca Dati Centrale in gestione alla Direzione generale della giustizia penale.


Stato dell'Arte Pass. Certificazioni al cittadino

Realizzato nel 2006, il progetto P@SS (acronimo di Punti di Accesso ai Servizi per i Cittadini) è nato con l’obiettivo di estendere il servizio certificativo dell’Amministrazione Giudiziaria, riducendo al minimo gli spostamenti e i costi da parte del cittadino; il progetto, di valenza nazionale, è partito come pilota nel 2010 con il dispiegamento di sportelli P@SS in Campania, Molise e Sardegna.
Gli aggiornamenti applicativi intercorsi nel tempo hanno consentito di ampliare l'offerta certificativa (ambito penale, civile e minori), di estendere il numero degli sportelli richiedenti a sedi diverse da quelle previste inizialmente (diffusione ai Comuni e in futuro a Poste S.p.a.) e, per gli uffici della pubblica amministrazione aderenti (tra gli altri Polizia, Guardia di Finanza e Carabinieri), di ricevere le informazioni necessarie per ottemperare alle verifiche amministrative sulle autocertificazioni.

Sviluppi realizzati

  1. Integrazione con il sistema Siris per la produzione automatica dei carichi pendenti:
    E’ stato realizzato il modulo per  l’interrogazione diretta del DB delle certificazioni dei carichi pendenti  e la conseguente produzione automatica della certificazione, eliminando così le attività di back office degli addetti, semplificando e velocizzando le attività di certificazioni- Attualmente il modulo è utilizzato dalla Procura della Repubblica di Napoli.

  2. Prodotto didattico di apprendimento
    E’ stato realizzato un modulo didattico on line per la formazione del personale degli uffici.

Vademecum dell' Avvocato telematico

L'allegato in epigrafe è il documento nel quale vengono date le nozioni minime di informatica nell'ambito del processo civile telematico e delle notificazioni a mezzo posta certificata, aggiornato al 17 Giugno 2013 . Gli argomenti trattati sono:

  • Che cosa occorre all'avvocato per divenire "telematico"
  • Dispositivo di autenticazione e firma digitale
  • Punto di accesso (pda)
  • Depositi telematici
  • Polisweb
  • Comunicazioni di cancelleria
  • Le notificazioni in proprio degli avvocati ai sensi del 53/1994 a mezzo p.e.c.

Scarica l'allegato

Oggi è il 01-11-2014 e sono le ore
Data di ultima pubblicazione: 27-10-2014